Margherita Ruoppolo
Studio degli errori congeniti del metabolismo

Margherita Ruoppolo

E-mail
margherita.ruoppolo@unina.it
Biosketch

Margherita Ruoppolo ha conseguito la Laurea in Chimica nel 1990 e il Dottorato di Ricerca in Scienze Chimiche nel 1997 presso l’Università degli Studi di Napoli "Federico II". Dal 1993 al 1994 ha svolto attività di ricerca presso il Biological Laboratory dell'Università del Kent, Canterbury, Regno Unito.

Ha iniziato la carriera universitaria nel 1996 come Ricercatore (SSD BIO-10 “Biochimica”) presso l’Università di Salerno. Nel 2001 è stata chiamata a ricoprire un posto di Professore associato (SSD BIO-10 “Biochimica”) presso la Facoltà di Medicina dell’Università di Napoli Federico II. Dal 2007 é Professore ordinario (SSD BIO-10 “Biochimica”) presso la Facoltà di Medicina dell’Università di Napoli Federico II. Dal 2003 è Responsabile del PROGRAMMA INTERDIPARTIMENTALE Sviluppo di tecnologie innovative di tipo spettroscopico per lo screening e la diagnosi di malattie del DAI di Medicina di Laboratorio, Azienda Universitaria Policlinico, Università degli Studi di Napoli “Federico II”. Dal 2018 è responsabile del laboratorio di screening neonatale regionale presso il CEINGE

E’ titolare degli insegnamenti di Biochimica presso la Scuola di Medicina dell’Università degli Studi di Napoli "Federico II" ed è incaricata degli insegnamenti

di Proteomica (CdL Biotecnologie della Salute - Università di Napoli Federico II)
Dal Novembre 2011 all’ Ottobre 2016 è stata Presidente del Consiglio del Corso di laurea in Tecniche Audioprotesiche

L'attività scientifica di Margherita Ruoppolo ha riguardato la caratterizzazione strutturale di proteine e metaboliti
E’ autrice di 77 pubblicazioni su riviste internazionali.

Allegati
Curriculum232.8 KB
Ricerca

Gli errori congeniti del metabolismo (IEM) sono disturbi genetici che sono causati da alterazioni di una specifica reazione enzimatica. Gli IEM possono essere pleiotropici e possono coinvolgere praticamente qualsiasi organo o sistema. La presentazione clinica iniziale può avvenire in qualsiasi momento dallo sviluppo prenatale fino all'età adulta, e specifici trigger ambientali sono cruciali per determinare un fenotipo individuale del paziente. La base genetica degli IEM è estremamente eterogenea e può coinvolgere qualsiasi tipo di tare genetiche. La diagnosi di IEM dipende dal disturbo specifico o dalla presentazione del fenotipo. Recentemente, la spettrometria di massa tandem ha facilitato la valutazione rapida ed economica di un ampio spettro di metaboliti, consentendo la diagnosi tempestiva di molti disturbi, facilitando così l'istituzione precoce della terapia da parte del programma nazionale di screening neonatale.

Questo progetto mira ad utilizzare una combinazione di metodologie "omiche" all'avanguardia per lo screening completo di proteine e metaboliti che possono svelare i meccanismi fisiopatologici in una classe di IEM denominata acidemie organiche (OA), causate da mutazioni nei geni che codificano gli enzimi coinvolti nel catabolismo degli aminoacidi. Gli OA sono biochimicamente caratterizzati da un accumulo tissutale di acidi organici ed dei loro esteri di CoA, L-carnitina e glicina a monte del blocco enzimatico. I segni neurologici sono prominenti in OA, il che implica un'elevata vulnerabilità del sistema nervoso centrale (SNC), che ha dimostrato di essere dipendente dall'età e dalla regione specifica.

Il trattamento generalmente riduce i livelli tossici dei metaboliti nel sangue, ma rimane insufficiente a prevenire molte delle complicazioni neurologiche e sistemiche a lungo termine. La terapia non arresta le disfunzioni multiorgano progressive, che portano a gravi disabilità e persino alla morte. Pertanto, è obbligatorio chiarire le basi molecolari delle acidemie organiche per migliorare le strategie diagnostiche e il follow-up del trattamento e per svelare i percorsi alterati che potrebbero essere mirati a scopi terapeutici. Questo progetto ha come obiettivo:

(i) definire la signature OMICA delle OA al fine di caratterizzare il patomeccanismo sconosciuto, legato alla progressione della malattia

(ii) identificare le vie metaboliche alterate al fine di migliorare le strategie diagnostiche, implementare protocolli terapeutici e ottimizzare il follow-up per prevenire una prognosi negativa.

(iii) sviluppare strategie terapeutiche innovative attraverso l'uso della nanomedicina, come l'uso di nanovettori per: a) migliorare la somministrazione di agenti terapeutici già in uso clinico o ancora sperimentali e b) valutare nuovi farmaci diretti contro nuovi bersagli molecolari identificati nel presente studio.

Linee di Ricerca

 

Proteomica e metabolomica nello studio dei patomeccanismi di errori congeniti del metabolismo (ProMetOmics)

 

Gruppo di Ricerca
  • Marianna Caterino, RTDa
  • Michele Costanzo, dottorando
  • Emanuela Marchese, dottorando
  • Dino Cevenini, RTDI
  • Roberta Fedele, borsista
  • Esther Imperlini, contrattista
Le pubblicazioni più rilevanti

1) McHugh D, Cameron CA, Abdenur JE, Abdulrahman M, Adair O, Al Nuaimi SA, Åhlman H, Allen JJ, Antonozzi I, Archer S, Au S, Auray-Blais C, Baker M, Bamforth F, Beckmann K, Pino GB, Berberich SL, Binard R, Boemer F, Bonham J, Breen NN, Bryant SC, Caggana M, Caldwell SG, Camilot M, Campbell C, Carducci C, Bryant SC, Caggana M, Caldwell SG, Camilot M, Campbell C, Carducci C, Cariappa R, Carlisle C, Caruso U, Cassanello M, Castilla AM, Ramos DE, Chakraborty P, Chandrasekar R, Ramos AC, Cheillan D, Chien YH, Childs TA, Chrastina P, Sica YC, de Juan JA, Colandre ME, Espinoza VC, Corso G, Currier R, Cyr D, Czuczy N, D'Apolito O, Davis T, de Sain-Van der Velden MG, Delgado Pecellin C, Di Gangi IM, Di Stefano CM, Dotsikas Y, Downing M, Downs SM, Dy B, Dymerski M, Rueda I, Elvers B, Eaton R, Eckerd BM, El Mougy F, Eroh S, Espada M, Evans C, Fawbush S, Fijolek KF, Fisher L, Franzson L, Frazier DM, Garcia LR, Bermejo MS, Gavrilov D, Gerace R, Giordano G, Irazabal YG, Greed LC, Grier R, Grycki E, Gu X, Gulamali-Majid F, Hagar AF, Han L, Hannon WH, Haslip C, Hassan FA, He M, Hietala A, Himstedt L, Hoffman GL, Hoffman W, Hoggatt P, Hopkins PV, Hougaard DM, Hughes K, Hunt PR, Hwu WL, Hynes J, Ibarra-González I, Ingham CA, Ivanova M, Jacox WB, John C, Johnson JP, Jónsson JJ, Karg E, Kasper D, Klopper B, Katakouzinos D, Khneisser I, Knoll D, Kobayashi H, Koneski R, Kozich V, Kouapei R, Kohlmueller D, Kremensky I, la Marca G, Lavochkin M, Lee SY, Lehotay DC, Lemes A, Lepage J, Lesko B, Lewis B, Lim C, Linard S, Lindner M, Lloyd-Puryear MA, Lorey F, Loukas YL, Luedtke J, Maffitt N, Magee JF, Manning A, Manos S, Marie S, Hadachi SM, Marquardt G, Martin SJ, Matern D, Mayfield Gibson SK, Mayne P, McCallister TD, McCann M, McClure J, McGill JJ, McKeever CD, McNeilly B, Morrissey MA, Moutsatsou P, Mulcahy EA, Nikoloudis D, Norgaard-Pedersen B, Oglesbee D, Oltarzewski M, Ombrone D, Ojodu J, Papakonstantinou V, Reoyo SP, Park HD, Pasquali M, Pasquini E, Patel P, Pass KA, Peterson C, Pettersen RD, Pitt JJ, Poh S, Pollak A, Porter C, Poston PA, Price RW, Queijo C, Quesada J, Randell E, Ranieri E, Raymond K, Reddic JE, Reuben A, Ricciardi C, Rinaldo P, Rivera JD, Roberts A, Rocha H, Roche G, Greenberg CR, Mellado JM, Juan-Fita MJ, Ruiz C, Ruoppolo M, Rutledge SL, Ryu E, Saban C, Sahai I, García-Blanco MI, Santiago-Borrero P, Schenone A, Schoos R, Schweitzer B, Scott P, Seashore MR, Seeterlin MA, Sesser DE, Sevier DW, Shone SM, Sinclair G, Skrinska VA, Stanley EL, Strovel ET, Jones AL, Sunny S, Takats Z, Tanyalcin T, Teofoli F, Thompson JR, Tomashitis K, Domingos MT, Torres J, Torres R, Tortorelli S, Turi S, Turner K, Tzanakos N, Valiente AG, Vallance H, Vela-Amieva M, Vilarinho L, von Döbeln U, Vincent MF, Vorster BC, Watson MS, Webster D, Weiss S, Wilcken B, Wiley V, Williams SK, Willis SA, Woontner M, Wright K, Yahyaoui R, Yamaguchi S, Yssel M, Zakowicz WM. Clinical validation of cutoff target ranges in newborn screening of metabolic disorders by tandem mass spectrometry: A worldwide collaborative project. Genet in Med (2011) 13:230-254

2) Caterino, M., Pastore, A., Strozziero, M. G. Di Giovamberardino, G., Imperlini, E., Scolamiero, E., Ingenito, L., Boenzi, S., Ceravolo, F., Martinelli, D., Dionisi-Vici, C., Ruoppolo, M.
The proteome of cblC defect: in vivo elucidation of altered cellular pathways in humans_J Inherit Metab Dis. 2015 Sep;38(5):969-79. doi: 10.1007/s10545-014-9806-4. Epub 2015 Jan 14.

3) Scolamiero E, Cozzolino C, Albano L, Ansalone A, Caterino M, Corbo G, di Girolamo MG, Di Stefano C, Durante A, Franzese G, Franzese I, Gallo G, Giliberti P, Ingenito L, Ippolito G, Malamisura B, Mazzeo P, Norma A, Ombrone D, Parenti G, Pellecchia S, Pecce R, Pierucci I, Romanelli R, Rossi A, Siano M, Stoduto T, Villani GR, Andria G, Salvatore F, Frisso G, Ruoppolo M. Targeted metabolomics in the expanded newborn screening for inborn errors of metabolism. Mol Biosyst. 2015 Jun;11(6):1525-35 DOI: 10.1039/C4MB00729H

4) Marianna Caterino, Randy J. Chandler, Jennifer L. Sloan, Kenneth Dorko, Kristina Cusmano-Ozog, Laura Ingenito, Stephen C. Strom, Esther Imperlini, Emanuela Scolamiero, Charles P. Venditti and Margherita Ruoppolo
The proteome of methylmalonic acidemia (MMA): elucidation of altered pathways in patient livers. Molecular BioSystems, 2016, 12, 566 - 574

5) A Phospholipid Profile at 4 Months Predicts the Onset of Celiac Disease in at- Risk Infants.
Auricchio R, Galatola M, Cielo D, Amoresano A, Caterino M, De Vita E, Illiano A, Troncone R, Greco L,
Ruoppolo M. Sci Rep. 2019 Oct 4;9(1):14303. doi: 10.1038/s41598-019-50735-7.