cns lab
Responsabile

Malattie del Sistema Nervoso centrale CNS-LAB

MALATTIE ONCOLOGICHE

I tumori cerebrali rappresentano la neoplasia più frequente in età pediatrica e sono la seconda causa di morte legata ai tumori dopo le leucemie. I tumori della fossa cranica posteriore più comuni sono il medulloblastoma (MB), l'astrocitoma, l'ependimoma (EPN), il glioma cerebrale ed il Glioma Pontino Diffuso Intrinseco (DIPG). Per questo gruppo eterogeneo di tumori, l’unica terapia ad oggi in uso in clinica è caratterizzata da resezione chirurgica seguita da regimi di radio-chemioterapia. Nonostante l’utilizzo di questo approccio terapeutico multimodale, la prognosi rimane infausta per i pazienti con tumore metastatico e recidivo. La diagnosi molecolare consiste nella valutazione dello “status” mutazionale di geni (oncogeni ed oncosoppressori) responsabili della progressione tumorale e della disseminazione metastatica di tali tumori e nella valutazione definitiva dei livelli di espressione di alcuni geni che costituiscono la “firma molecolare” per ogni sottotipo tumorale, aiutando con precisione a dare una definizione patologica molecolare della malattia.

Le indagini genetico/ molecolari del laboratorio di “Diagnostica delle malattie del Sistema Nervoso centrale” (CNS LAB) verranno effettuate utilizzando recenti tecnologie di analisi applicate alla Genetica Molecolare ed includono la amplificazione genica, seguita da Sequenziamento del DNA (metodo Sanger) e ed utilizzo di nuove tecnologie di Next-Generation-Sequencing (NGS) con approcci di Whole-Exome-Sequencing (WES) e Targeted Gene Panel (TPG) applicate a tessuti, biopsie liquide e sangue periferico di pazienti affetti da tumori cerebrali in età pediatrica e nell’ adulto [(Medulloblastoma, Astrocitoma, Glioma, Ependimoma e del Glioma Pontino Intrinseco Diffuso (DIPG)]. Attraverso queste tecnologie verrà quindi definita la “firma genetica e diagnostica” di tali tumori cerebrali, lo stato mutazionale di geni noti con attività oncogeniche o oncosoppressorie e verranno inoltre identificate mutazioni in nuovi geni responsabili della progressione tumorale e/o metastatica. Inoltre, la definizione diagnostica/ molecolare del sottogruppo del Medulloblastoma verrà eseguita utilizzando la tecnologia di Real-Time PCR da campioni di RNA estratto da tessuti bioptici per valutare il livello di espressione genico di specifici marcatori. Tali analisi saranno di grosso aiuto per definire lo stadio della malattia e programmare una terapia oncologica personalizzati e più efficiente.

MALATTIE GENETICHE

Difetti che alterano la divisione mitotica o la dinamica dei microtubuli durante la formazione del fuso mitotico, sono causa di un vasto gruppo di malattie genetiche del neurosviluppo caratterizzate da malformazioni cerebrali, difetti motori e intellettivi, talvolta epilessia, difetti oculari di varia gravità e ritardo del neurosviluppo. Ciascuna patologia è causata da mutazioni in specifici loci genici in cui mappano geni i cui prodotti sono convolti in processi che regolano la divisione cellulare, la proliferazione e la migrazione durante lo sviluppo del Sistema Nervoso Centrale.

La diagnosi molecolare che verrà effettuata dal laboratorio di “Diagnostica delle malattie del Sistema Nervoso Centrale” (CNS-LAB) consiste nella valutazione dello status mutazionale di 164 geni ad oggi noti come causativi di tali 71 patologie del neurosviluppo che originano nel sistema nervoso centrale. L’analisi verrà condotta mediante tecnologie di Next Generation Sequencing (NGS) con approccio di Whole Exome Sequencing (WES); ed in secondo livello, l’identificazione della mutazione nei soggetti portatori (es. genitori, fratelli del paziente affetto) mediante Sequenziamento del DNA (metodo Sanger). Utilizzeremo le stesse tecnologie descritte nella sezione Oncologica. Tali risultati diagnostici saranno molto utili per definire una corretta analisi genotipo/fenotipo, predire il rischio di generare altri figli affetti (analisi predittiva), e sarà di grosso aiuto per identificare un percorso terapeutico specifico laddove la malattia abbia già armi terapeutiche disponibili.